Nell’immaginario della maggior parte delle persone, a ragione, la scala ha un ruolo definito e fondamentale, che è quello di fornire il modo per raggiungere agevolmente il piano superiore o inferiore di una struttura.

Ma le scale hanno un valore anche estetico e sono diventate negli anni oggetto di arredamento, quindi non più solo strumenti funzionali. Nel passato inoltre le scale hanno assunto un ruolo di prestigio nell’arte, che ancora adesso persiste, grazie a forme, materiali e tecniche innovative.

Andando indietro nei secoli, le scale hanno avuto anche un altro ruolo: sono state utilizzate, in molti casi, come strumento di difesa dei castelli.

Per contrastare l’incursione nemica, spesso sono state progettate all’interno dei castelli scale che creassero problemi a chi cercava di entrare con la forza.

Scalini dalle diverse dimensioni, uno più alto e quello successivo più basso per far inciampare e ostacolare la velocità del nemico che cercava di penetrare nel castello, o un muro che si trovava ai lati delle scale più stretto per far sentire il rumore delle spade quando qualcuno saliva i gradini, sono solo alcuni dei metodi utilizzati per rendere più difficile l’attacco.

Un esempio di questa bizzarra e geniale progettazione delle scale lo ritroviamo nel castello di Montebello, in provincia di Rimini. Questo castello è conosciuto per la leggenda che riguarda il fantasma di Azzurrina, bambina albina, figlia di Ugolinuccio di Montebello, morta prematuramente e misteriosamente.

Come il castello di Azzurrina, molti altri utilizzarono degli espedienti per mettere in difficoltà gli attacchi dei nemici. Un altro esempio è il castello di Gradara, nelle Marche, teatro di eventi storici e leggendari importanti.

Il castello ha ospitato famiglie del periodo medievale e rinascimentale. Hanno abitato all’interno del castello di Gradara i Malatesta, gli Sforza, i Borgia e i Della Rovere, ma la residenza ha fatto anche da cornice alla storia d’amore straordinaria di Paolo e Francesca.

Chiara Talenti

Mi occupo di comunicazione e marketing per l'azienda Rintal. Da sempre appassionata di design, arredamento e architettura, mi piace scoprire l'evoluzione dei prodotti che ci accompagnano nella nostra vita.